Giuseppe Castiglione

Questa è solo una delle tante opere del Castiglione, non è neppure la più famosa. Tra le tante però è quella che mi ha colpito di più.

Inauguro il blog parlando di Giuseppe Castiglione (郎世宁) (Milano, 19 luglio 1688 – Pechino, 17 luglio 1766).

Un pittore-gesuita italiano che nel 1715 giunge a Pechino, e viene protetto da due mecenati di eccellenza: gli imperatori  Kangxi (1662-1723), e Qian Long (1736-1796) e Qian Long (乾隆).

Entrambi non amavano molto gli stranieri, ma in questo caso venne fatta un’eccezione.

Nel 1747 proggettò lo Xiyanglou (西洋楼), un “Palazzo Occidentale”, come ci suggerisce il nome stesso. La struttura, come per i suoi dipinti, mantiene contemporaneamente aspetti dell’archittettura occidentale e di quella cinese. Nell’insieme restava più sobria e verosimile di quella della “Palazzina Cinese” di Palermo.

Degli studenti cinesei di Architettura al Palazzo d'Estate nel Maggio 2006. La scritta sul drappo che stanno reggendo recita:"Teniamo bene in mente la tradiga storia del Palazzo d'Estate".

I resti della struttura, distrutta nel 1960 durante la Seconda Guerra dell’Oppio,  sono ancora visibili a Pechino all’interno del Palazzo d’Estate (圆明园).

Ma torniamo alla storia del Castiglione. Accresce la sua fama, e Qian Long gli ordina di ritrarre la sua concubina preferita Xiangfei. In lui si incontrano la levità, tipica dell’arte cinese, e lo studio del volume e delle ombre, dell’arte occidentale. In tutto compone 26 opere spedite poi in Europa perché se ne facessero delle stampe. Le sue stampe sono state pubblicate assieme ad altre del romano Damasceno in “Conquista dell’imperatore di Cina”,Parigi, 1769-’74.

Giuseppe da Casiglione rimane un personaggio molto interessante, perchè dimostra come nella Cina imperiale (esattamente come accade oggi) è molto forte la componente sincretista. Ovvero l’acquisizione, da parte della propria cultura, di elementi esterni. Nel caso cinesei il termine più appropriato è :”Sinizzazione”.

Dashan nelle vesti di Giuseppe Castiglione

Per concludere ho una bella chicca, che è anche indice dell’interesse ritrovato della società cinese nel riscoprire non solo le proprie radici storiche, ma anche i contatti con l’Occidente nel passato. Nel 2006, un personaggio dello spettacolo cinese, Mark Rowswell, noto in Cina come Dashan (大山) [“Grande Montagna”], ha impersonato proprio il Castiglione in una serie televisiva dedicata all’artista italiano. Per chi fosse curioso basta andare su Tudou.com e digitare <宫廷画师郎世宁> (Castiglione l’Artista alla Corte Imperiale).

Fonti:

Italia e Oriente, di TUCCI, Giuseppe , a cura di D’ARELLI, Francesco, ISIAO, 2005;
Fonte di Baidu ;
Fonte Xinhua .

One thought on “Giuseppe Castiglione

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s